I miei spettacoli
_

Tutta colpa della televisione | 2017

Sinossi

TUTTA COLPA DELLA TELEVISIONE SPETTACOLO 2016-2017 SINOSSI

E’ scientificamente provato che trascorrere molte ore davanti alla televisione nuoce alla salute.
Nel caso di Gennaro Calabrese i danni sono stati anche peggiori. Gennaro non solo ha trascorso gran parte della sua adolescenza davanti alla tv, ma ha provato anche a “starci dentro”, con conseguenze irreversibili.
In uno show in pieno stile Cabaret,
Calabrese ripercorre, con grande slancio, la storia recente della televisione italiana, fino ad oggi; in un curioso parallelismo con il suo percorso personale e artistico.
In 90 minuti, Gennaro, propone in modo rinnovato ed originale, i personaggi, le gag ed i numeri migliori del suo vivace repertorio. Musiche, monologhi, imitazioni, canzoni, sketch…
tutto in un atto, tutto in una sera, tutto…

in un unico one man show.

L’Italia vista da mille voci | 2016

Sinossi

“TORNO A SCUOLA…UN ANNO DOPO” di Gennaro Calabrese e Gianluca Irti

Sinossi

La scuola Watson, è una scuola privata… privata di tutto. Non ci sono cattedre, non ci sono riscaldamenti… non ci sono neppure gli insegnanti. Per mancanza di risorse economiche e umane infatti, la scuola, rischia

seriamente di chiudere.
Ma un inatteso evento può far cambiare le cose!
Un Tribunale, per il reato di “Falsa Identità”, ha condannato ai servizi sociali, da scontare presso la Scuola Watson, un artista che si diletta nelle imitazioni: Gennaro Calabrese.
Lui però non è ne’ un professore ne’ un dirigente scolastico. Ed allora,

quale sarà il suo compito nella scuola?
Facendo “appello” alle sue risorse artistiche, Gennaro, farà di tutto per evitare che la scuola chiuda e, aiutato da una scorbutica, ma leale, bidella proverà a convincere i genitori, ad iscrivere i propri figli proprio lì: ALLA SCUOLA MEDIA-ELEMENTARE… WATSON!

Torno a scuola | 2015

Sinossi

“TORNO A SCUOLA…UN ANNO DOPO” di Gennaro Calabrese e Gianluca Irti

Sinossi

La scuola Watson, è una scuola privata… privata di tutto. Non ci sono cattedre, non ci sono riscaldamenti… non ci sono neppure gli insegnanti. Per mancanza di risorse economiche e umane infatti, la scuola, rischia

seriamente di chiudere.
Ma un inatteso evento può far cambiare le cose!
Un Tribunale, per il reato di “Falsa Identità”, ha condannato ai servizi sociali, da scontare presso la Scuola Watson, un artista che si diletta nelle imitazioni: Gennaro Calabrese.
Lui però non è ne’ un professore ne’ un dirigente scolastico. Ed allora,

quale sarà il suo compito nella scuola?
Facendo “appello” alle sue risorse artistiche, Gennaro, farà di tutto per evitare che la scuola chiuda e, aiutato da una scorbutica, ma leale, bidella proverà a convincere i genitori, ad iscrivere i propri figli proprio lì: ALLA SCUOLA MEDIA-ELEMENTARE… WATSON!

Torno a scuola | 2014

Sinossi

“TORNO A SCUOLA”
di Gennaro Calabrese e Gianluca Irti

2014

Sinossi

Una scuola media-elementare, a seguito della crisi economica e dei tagli del governo, sta per chiudere, per mancanza di fondi e soprattutto per la mancanza di insegnanti.
Il preside della scuola allora, chiama Gennaro, sua vecchia conoscenza, per raccontargli questo problema e per chiedergli soprattutto, un particolare aiuto, in vista dell’imminente presentazione ai genitori, del prossimo anno scolastico; presentazione quanto mai impossibile da fare, senza la presenza degli insegnanti.
Gennaro allora si attiva, suo malgrado, per evitare che la scuola chiuda e facendo appello a tutte le sue “conoscenze artistiche”, cerca di trovare la soluzione più adeguata perchè quest’incontro con i genitori, non vada deserto.

L’imitatore non è l’Imitato | 2013

Sinossi

“L’imitatore non è l’imitato” di e con Gennaro Calabrese 2013

Un varietà incentrato sulla figura dell’eclettico showman Gennaro Calabrese, opera prima del cabarettista reggino che per due ore, intratterrà il suo pubblico catapultandolo in quel mondo patinato dello spettacolo.

Il padrone di un teatro, convinto che l’imitatore è un artista assolutamente limitato, ingaggia il giovane artista Calabrese inserendolo nel cartellone del proprio teatro, ignaro che lo stesso sia un imitatore.

Attraverso un racconto autobiografico, Calabrese con l’aiuto dei suoi 70 personaggi spiegherà al suo pubblico il perché e il come ha scelto di abbandonare una florida professione forense per dedicarsi esclusivamente all’arte, nella speranza di convincere, a suon di sketch, battute esilaranti, monologhi, e balletti, il padrone del teatro, che l’imitazione è un’arte e non un limite.

Avrà il burbero padrone del teatro….cambiato idea alla fine delle 2 ore di spettacolo???